Chiudo gli occhi ed osservo una immensità oscura
dove niente esiste, eppure tutto è.
Nella regione più estrema ed assoluta
cerco nel tempo e nello spazio
e scorgo me stesso:
prigioniero, deluso, passivo
e mi chiedo “Cosa sono?”

Chiudo gli occhi ed osservo una immensità oscura
dove niente esiste, eppure tutto è.
Scendo ancora in quel luogo
e contemplo l’immagine (in me mago agere).
Osservo me stesso per quello che sono:
libero, incondizionato, agente
e rispondo“Io sono”.

Print Friendly, PDF & Email
close

Newsletter

Iscriviti per ricevere contenuti fantastici nella tua casella di posta, ogni mese.

Non inviamo spam! Leggi la nostra [link]Informativa sulla privacy[/link] per avere maggiori informazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *