Eravamo in pochi,
ma guardandoci negli occhi
capivamo che c’era qualcosa,
una certa atmosfera, un senso del sacro.

Preparati, dopo aver discusso di noi,
per entrare nel Tempio e posare la prima pietra,
ci accingevamo ad incontrare l’Essere
e tutto cambiava intorno.

Si spengono le luci,
si accendono le stelle.
Seduti, pronti, si regola il respiro,
si genera la luce interiore
che avvolge piano tutto il corpo.

Eccoci! Liberi nella Luce!

Ora sappiamo, le forze assumono la forma
e l’osservazione interiore ci porta la conoscenza.

Eravamo in pochi
nell’intimità del Tempio,
nella Conoscenza della Luce.
Liberi nella Luce,
consapevoli di non essere Liberi,
osservavamo le forze.

Print Friendly, PDF & Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.